Le grandi città e i mezzi di trasporto: qualche consiglio su come muoversi

Spesso mi sono trovata a dover partire per una grande città senza conoscere le risposte ad alcune domande e senza riuscire a trovarle da nessuna parte. Serve un abbonamento per i mezzi pubblici? Quanto costa? Dove si compra? Cosa comprende? Per questo ho pensato di mettere insieme alcuni consigli. Si tratta di una lista incompleta, ovviamente, ma con il tempo potrà forse diventare più esaustiva e aggiornata – magari anche grazie ai vostri suggerimenti.

Processed with VSCO with c1 preset

Come muoversi ad Amsterdam: GVB Ticket o I Amsterdam City Card

Il GVB Ticket è un biglietto che permette di viaggiare su tutta la rete urbana dei trasporti di Amsterdam, la GVB. Comprende tram, autobus metropolitana, ma non il treno da e per l’aeroporto per il quale il biglietto a/r può essere acquistato direttamente alla stazione del terminal. Ha una validità da uno a quattro giorni.
Un’ottima alternativa è la I Amsterdam City Card che, oltre all’utilizzo dei mezzi pubblici, permette di accedere a una trentina di musei. Vale da 24 a a 120 ore.

iamsterdam card

GVB Ticket e I Amsterdam City Card: dove comprarli
Il GVB Ticket si può acquistare online sul sito dei trasporti pubblici olandesi, in uno dei punti vendita o alle stazioni di Amsterdam.
La I Amsterdam City Card si può invece acquistare in uno dei due Visitor Centers situati all’aeroporto o alla stazione centrale.
GVB Ticket e la I Amsterdam City Card: il prezzo
GVB Ticket: da 8 euro a 24,50 euro.
I Amsterdam City Card: da 60 a 115 euro.

Come muoversi ad Atene: Athena Ticket

Si tratta di un abbonamento fornito da Athens Transport. È valido per 72 ore e permette di utilizzare, oltre ai mezzi di trasporto urbani, anche il treno da e per l’aeroporto fino a piazza Syntagma. Va vidimato al primo utilizzo per attivarne la validità.

Athena Ticket: dove comprarlo
Alle biglietterie della stazione dell’aeroporto o alle stazioni della metropolitana.
Athena Ticket: quanto costa
Il prezzo è di 22 euro per 72 ore. Esiste anche la versione che non comprende il trasporto da e per l’aeroporto: vale da un minimo di 24 ore a un massimo di 5 giorni, con un prezzo base di 4,50 euro.

Come muoversi a Berlino: Berlin Welcome Card

La Berlin Welcome Card permette di fare viaggi illimitati per un periodo che va dalle 48 alle 72 ore sull’intera rete metropolitana, che comprende la U-Bahn (la linea sotterranea), la S-Bahn (la linea di superficie) e i tram. È importante vidimare la tessera a una delle obliteratrici poste in tutte le stazioni: da quel momento inizierà il periodo di validità. Nella tessera sono inclusi anche gli ingressi ad alcuni musei.

Berlin Welcome Card: dove comprarla
Presso gli uffici di Visit Berlin in città e in aeroporto. È anche disponibile in alcuni hotel.
Berlin Welcome Card: quanto costa
Da 20 a 46 euro.

Come muoversi a Londra: Oyster Card

La Oyster Card è una carta ricaricabile che funziona un po’ come una carta di credito prepagata: alle casse automatiche di qualsiasi stazione della metropolitana si carica con l’importo desiderato, poi a ogni corsa in bus o in treno viene scalato il costo della tratta percorsa. Permette di risparmiare rispetto a un biglietto normale, perché con la Oyster Card una corsa può costare al massimo 2,40 sterline, ossia la metà di un biglietto ordinario.

Mind the gap

Oyster Card: dove comprarla
Alle biglietterie della metropolitana oppure online sul sito Transport for London, che spedisce in tutto il mondo.
Oyster Card: quanto costa
Il costo fisso per l’emissione della tessera è di 5 sterline, ai quali si aggiungono i costi delle corse (l’importo minimo della prima ricarica è di 10 sterline).

Come muoversi a Mosca: Troika Card

La Troika Card è una scheda con un numero variabile di corse. Anche se si viaggia in un gruppo di più persone, è sufficiente una sola scheda: basta avvicinarsi alla barriera, scorrere la card sul lettore ottico e, una volta superati i tornelli, si passa la tessera al passeggero successivo. E avanti così fino all’esaurimento delle corse.

Metro card

Troika Card: dove comprarla
Alla касса o cassa di di ogni stazione della metropolitana.
Troika Card: quanto costa
Ogni corsa costa 55 rubli (meno di 90 centesimi di euro).

Come muoversi a New York: Metrocard

È una tessera magnetica che può contenere un abbonamento di uno o più giorni o un credito. Ne esistono di due tipi: la Pay Per Ride Metrocard, dalla quale a ogni corsa verrà scalato il costo della tratta in metropolitana o in autobus, oppure la Unlimited Ride Metrocard, che permette di fare corse illimitate su tutta le rete dei trasporti newyorchesi (quest’ultima è senza dubbio la soluzione più adatta per chi pensa di utilizzare molto i mezzi pubblici).

Metrocard: dove comprarla
Alle macchinette automatiche o alle casse della Subway.
Metrocard: quanto costa
L’emissione della carta costa un dollaro, al quale si deve aggiungere il costo di ogni singola corsa (2,75 dollari) o dell’importo della ricarica, a seconda della tipologia di carta scelta (si parte comunque da un minimo di 5 dollari).

Come muoversi a Stoccolma: Visitor Access Card

Emessa dalla SL, la compagnia che gestisce i trasporti dell’area urbana di Stoccolma, la Visitor Access Card permette di viaggiare per un minimo di 24 ore fino a un massimo di 7 giorni su tutti i mezzi di trasporto: bus, tram, metropolitana e traghetti. Da non confondere con la normale Access Card, che va associata a un regolare biglietto per viaggiare, mentre invece la versione turistica permette di spostarsi liberamente sui mezzi pubblici per il periodo di validità scelto al momento dell’acquisto.

Visitor Access Card: dove comprarla
Alle macchinette o alle casse di qualsiasi stazione della metropolitana o all’aeroporto di Arlanda.
Visitor Access Card: quanto costa
Da 125 corone (circa 12 euro) a 325 corone (32 euro).

Come muoversi a Zurigo: ZVV Karte

Si tratta di un semplice abbonamento giornaliero emesso dalla Zürcher Verkehrsverbund, la società che gestisce tram e autobus nell’area urbana di Zurigo. Poiché ha durata giornaliera, la tessera non deve essere convalidata. Molto utile anche l’app della ZVV, che funziona offline e permette di capire subito quale mezzo di trasporto utilizzare per raggiungere un determinato indirizzo.

ZVV Karte: dove comprarla
A tutte le fermate di autobus e tram, pagando in contanti o con carta di credito.
ZVV Karte: quanto costa
Il prezzo è di 9 franchi svizzeri al giorno (circa 8 euro).

Avete altri suggerimenti per utilizzare i mezzi di trasporto in queste città o, meglio ancora, in altre città non incluse nella lista? Fatemelo sapere in un commento.

36 pensieri riguardo “Le grandi città e i mezzi di trasporto: qualche consiglio su come muoversi

  1. I miei piedi mi stanno dicendo, in questo momento: Eeeeehi, ma perchè se ci sono tutte queste opportunità di mezzi pubblici comodi ed economici sparsi per il mondo tu ci fai sempre trottare e scarpinare? Hanno ragione anche loro, a lamentarsi, eppure io prediligo visitare il più possibile a piedi, per assaporarmi angoli nascosti anche negli spostamenti. Impossibile, però, certo, in alcune città! Quidni, grazie per l’utilissima guida!

    Piace a 1 persona

  2. Posso segnalare un’app che io personalmente trovo utilissima? Citymapper: si mette un indirizzo e automaticamente l’app seleziona il percorso più rapido tra tutti i mezzi di trasporto disponibili (metro, bus, tram, bike-sharing, uber, …).
    Un grande vantaggio è che l’interfaccia dell’app è la stessa, ma quando si cambia città semplicemente il contenuto si aggiorna, quindi si è già familiari col funzionamento.

    Praricamente tutte le grandi città sono su citymapper. Mi ha semplificato la vita in un sacco di viaggi 🙂

    Piace a 1 persona

      1. Su google maps i trasporti pubblici sono inseriti in via sperimentale e spesso non sono precisi. Citymapper si collega ai siti dei trasporti della città, quindi si aggiorna in tempo reale con i canali diciamo ufficiali del posto, con il vantaggio che ti restituisce le informazioni sempre nella tua lingua e sempre con la stessa interfaccia. In più citymapper si collega in automatico a tutti i servizi di bike sharing, monopattini elettrici, shared scooter, e quanto altro ha da offrire la città.
        L’unico problema è che citymapper non ha le carte di tutte le città del mondo

        Piace a 1 persona

  3. Ottima guida, da salvare in preferiti e tirarla fuori all’occorrenza! Se fossi in te terrei questo articolo in modalità “aperta” e work in progress per aggiungere i suggerimenti sulle future città che visiterai. I pass per i mezzi pubblici li ho sempre trovati comodissimi, soprattutto quelli che oltre a spostamenti illimitati includono anche gli ingressi in musei e attrazioni turistiche. Solo che per me ci vorrebbe anche quello da 12 ore 😛
    Eh la lista è lunghissima! Qui in Campania c’è il TIC comodissimo per tutte le aree urbane ed extraurbane, in Trentino ho usato la Mobilcard che includeva un sacco di ingressi gratuiti in musei e perfino l’utilizzo delle cabinovie! Da mezzi pubblici addicted sono assolutamente PRO pass! 😉
    Segno la Athena Ticket! ❤

    Piace a 1 persona

    1. Sì infatti mi piacerebbe lasciare questo articolo aperto in modo da poterlo aggiornare dopo ogni viaggio.
      Ad Helsinki in effetti l’abbonamento non lo avevo fatto perché facendo due conti anche a me sarebbe servito da meno ore… quindi abbiamo camminato!
      Ottime le tessere come la Mobilcard che comprendono anche altre cose oltre ai mezzi di trasporto.
      Grazie e buon pomeriggio 😘

      Piace a 1 persona

  4. Silvia mi sono messa un bel segnalibro a questo tuo preziosissimo articolo perché anche a me molto spesso capita di non trovare informazioni precise e semplici sulle tessere da utilizzare per i mezzi pubblici. Grazie, davvero preziosissimo.

    Piace a 1 persona

  5. Un articolo molto utile, soprattutto per me che sto organizzando un weekend a Zurigo 🙂

    Delle altre città che hai elencato sono stata solo a NY e ad Amsterdam, ma ti dirò, la Grande Mela l’ho girata principalmente a piedi o in taxi (molto economici)… avevo provato una volta a prendere la “subway” ma mi sono persa ahahah! Mentre ad Amsterdam sono andata in macchina dall’Italia (un bel viaggio on the road con alcune tappe in Svizzera e in Francia), quindi i tre giorni trascorsi nella capitale olandese ho lasciato la macchina nel parcheggio dell’hotel (un salasso… più di 40€ al giorno) e ho girato per la città a piedi 🙂

    Grazie comunque per questo post!!!

    Mi piace

    1. Zurigo è una città che mi piace tantissimo e dove sono stata diverse volte: se hai bisogno di qualche consiglio diverso dai mezzi di trasporto dimmi pure!
      Ti capisco perché anche io se posso mi sposto a piedi perché mi sembra di vedere più cose in città, ma a volte la stanchezza ha il sopravvento – o il mio compagno, che è uno scansafatiche 😂

      Mi piace

  6. Post super utile! Anche io preferisco spostarmi con i mezzi pubblici che sono molto più comodi che la macchina, anche perché nei centri cittadini spesso i parcheggi sono esorbitanti…
    A Londra da un paio d’anni si può anche usare la carta di credito contactless al posto della Oyster card, ma non so se funziona anche con le nostre in euro perché io ho sempre usato la Oyster card come te. A Torino invece hanno da poco cambiato il sistema dei biglietti e non ho ancora capito bene come funziona, hanno fatto varie formule, ma non è ancora pienamente funzionante il sistema che le carica sulle carte di plastica

    Piace a 1 persona

    1. Anche io se posso uso i mezzi pubblici: per esempio anche per andare a Torino uso il treno, se gli orari sono compatibili, perché se al costo del parcheggio aggiungi anche il rischio di infilarsi in ZTL…
      Ho visto l’ultima volta a Londra che si possono usare anche le carte di credito, ma non mi sono posta il problema del funzionamento con le nostre – chissà, magari funzionano ma forse il cambio non conviene?
      Buon weekend 🙂

      Mi piace

  7. A Berlino ho sempre utilizzato un biglietto settimanale e credo che a Stoccolma ci fosse l’opzione di farne uno valido per 2 o 3 gg (ho trascorso lì il WE). A Londra ho utilizzato la Oyster anche io e a Roma, con un paio di accorgimenti, la Romacard è un’ottimo investimento. Fosse anche solo per le code riservate di fronte ai siti archeologici che ti evitano ore di attesa con il resto dei turisti… un post decisamente utile, il tuo, del quale far tesoro!

    Piace a 1 persona

  8. Utilissimo questo post Silvia, me lo salvo perché alcune città mi mancano all’appello e il “come muoversi” è sempre una delle prime cose che cerco di capire quando scelgo una destinazione. A volte infatti i soli piedi non bastano e, nonostante io in viaggi macini circa 15-20km al giorno, i mezzi sono fondamentali per ottimizzare i tempi e raggiungere le attrazioni più decentrate.
    Complimenti per l’idea!

    Piace a 1 persona

  9. Tutto mi fa pensare che si tratta di un post ‘in divenire’, e che aggiungerai altre dritte nel tempo. Da parte mia, il post è salvato tra i preferiti, spero mi torni utile in futuro per il mio viaggio a New York. Grazie 🙂

    Piace a 1 persona

  10. Una guida davvero utile, le Card sono perfette se ami spostarti con i mezzi in più hanno sempre ottimi sconti per attrazioni e musei. A fine Marzo sarò a Vienna e che te lo dico a fare ho già prenotato la mia Vienna Card

    Piace a 1 persona

  11. Questo vademecum è una manna dal cielo, risponde veramente alle domande sui trasporti che, personalmente, mi pongo ogni volta che pianifico un viaggio. Anche perché spesso mancano proprio le informazioni extra e gli approfondimenti, come il trasporto da e per l’aeroporto incluso. Oppure i vari periodi di validità.
    Grazie Silvia, terrò caro il tuo articolo per i prossimi viaggi.
    Baci,
    Claudia b.

    Piace a 1 persona

  12. Ciao Silvia, torno sempre volentieri a leggere qua e là fra i tuoi post! 🙂
    Questo articolo mi è piaciuto un sacco, anche io sono una che quando sta per partire per una grande città preferisce acquistare prima o sapere già dove andare a prendere i biglietti o le tessere per i mezzi pubblici, ci si risparmiano molte perdite di tempo e seccature. Poi francamente di perdere ore preziose di vagabondaggio in città per una tessera della metro… anche no!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...