Quanto costa organizzare un viaggio a New York

Sono convinta che il mio parrucchiere creda che io sia miliardaria perché da quando gli ho detto che lo scorso agosto sarei andata in vacanza a New York, ho l’impressione che mi faccia pagare più del solito. Quando gli ho raccontato della meta delle mie ultime vacanze estive, la sua risposta è stata: parlapà. Per i non piemontesi, è un’esclamazione usata per esprimere stupore misto a invidia.

Un viaggio a New York non costa poco, questo è certo, ma non è nemmeno una prerogativa solo per chi ha il portafoglio di Bezos. E io non sono milionaria – prima o poi lo farò presente al caro coiffeur – quindi chiunque può organizzare un viaggio a New York. Ma veniamo alla domanda fondamentale: quanto costa organizzare un viaggio in quella che per me è la città più bella del mondo?

Empire State Building

Quanto costa un viaggio a New York: il volo

Parto dalla voce di spesa che incide maggiormente sul costo del viaggio: il volo. Quanto costa un biglietto per New York? Dipende da tanti fattori. Chiaramente in bassa stagione riusciremo a trovare offerte più convenienti, mentre nei periodi delle vacanze estive e di Natale la tariffa non sarà così economica. Qualche anno fa, sono partita a maggio con trecento euro, mentre lo scorso agosto abbiamo speso esattamente il doppio per un volo con scalo a Roma, nonostante avessimo prenotato ben cinque mesi prima. Nello stesso periodo, certi voli da Milano arrivavano quasi a novecento euro.
In generale, ho trovato che Alitalia fosse la compagnia più conveniente per via della tariffa Economy Light. Si tratta di un pacchetto veramente essenziale: non sono ammesse variazioni, non si possono scegliere i posti a bordo nemmeno pagando, e si vola con il solo bagaglio a mano. Noi siamo partiti con uno zaino a testa (al massimo otto chili) come quello in fotografia.

Zaino Cotopaxi Allpa

Per chi come noi è abituato a viaggiare con lo zaino non è un problema, e infatti è stato più che sufficiente per la nostra vacanza di una settimana. Se invece non vi piace viaggiare leggeri, allora è meglio prendere in considerazione altre tariffe perché in questo caso l’aggiunta di un bagaglio in stiva sarebbe costata ottanta euro a testa a tratta.

Costo medio volo per New York: dai 300 ai 900 euro.

Quanto costa un viaggio a New York: l’assicurazione medica

Inutile dire che non bisogna nemmeno pensare di partire per gli Stati Uniti senza assicurazione medica. Non è obbligatoria ma fortemente consigliata per evitare di dover accendere un mutuo per pagare eventuali spese mediche nel caso in cui dovessimo finire al pronto soccorso.

Prima di partire ho usato i comparatori di tariffe e ho trovato tantissime compagnie che offrivano pacchetti assicurativi a prezzi molto diversi: si parte da trenta euro a persona per una settimana per arrivare fino a cento. A meno di non avere preferenze verso una compagnia specifica, l’importante è verificare che il contratto preveda il massimale illimitato e il pagamento immediato delle spese ospedaliere. Molte assicurazioni infatti prevedono la copertura intesa però come rimborso: in poche parole paghiamo noi direttamente e poi, una volta a casa, ci verranno rimborsati i soldi. Ho trovato un buon compromesso nel pacchetto offerto da Allianz a centoventi euro a coppia.

Costo medio copertura assicurativa: dai 30 a 100 euro a testa.

Quanto costa un viaggio a New York: l’autorizzazione ESTA

I cittadini italiani possono entrare negli Stati Uniti senza bisogno di visto, ma devono richiedere l’autorizzazione al viaggio tramite l’Electronic System for Travel Authorization prima della partenza. Ci sono parecchie agenzie italiane e straniere che si spacciano per siti ufficiali per ottenere l’ESTA, per cui assicuratevi di fare la richiesta esclusivamente sul sito ufficiale ESTA.

New York Passport

Tramite il sito del dipartimento della Homeland Security si spendono quattordici dollari (con carta di credito o PayPal), mentre le agenzie arrivano a chiederne addirittura settanta.

Costo autorizzazione ESTA: 14 dollari.

Quanto costa un viaggio a New York: gli alberghi

Se in questo caso il costo non varia molto a seconda del periodo dell’anno, il prezzo di una stanza può cambiare parecchio da una zona all’altra. Dormire a Manhattan e a New York in generale non costa poco, a meno di voler scegliere una sistemazione a Jersey City o nel Queens. Chiedetevi sempre se il risparmio vale la fatica di passare ogni mattina e ogni sera un’ora in treno o in metropolitana, senza la possibilità di rientrare in hotel prima di cena. Per me la risposta è no, e infatti per l’ultimo viaggio ho scelto per le prime due notti l’Hyatt House, un albergo tra la Sesta Avenue e la Ventottesima Strada.

Hyatt House Hotel New York.jpg

Il costo si aggira tra i centotrenta e i centosessanta dollari a camera a notte, con la colazione inclusa. Questo è un dettaglio non trascurabile a New York, dove nella maggior parte dei casi la colazione ha un costo a parte. Come categoria, l’Hyatt House equivale a un nostro quattro stelle: camera spaziosissima con angolo cottura, bagno ampio con tanto di accappatoi e tutto l’occorrente dallo shampoo alla crema corpo. Sicuramente si possono trovare stanze più economiche, ma spesso gli standard sono davvero bassi (ho dormito in alberghi a due e tre stelle veramente squallidi, ritrovandomi anche un topo in camera una volta).

Costo hotel di medio livello: 130-160 dollari a camera a notte (colazione inclusa)

Quanto costa un viaggio a New York: i trasporti

A Manhattan le distanze sono enormi per cui è impensabile non usare i mezzi di trasporto. La metropolitana funziona molto bene, arriva praticamente ovunque e costa 2,75 dollari a corsa. Noi abbiamo fatto la MetroCard: si paga un dollaro per l’emissione della tessera e si ricarica con l’importo desiderato. Esiste anche la versione Unlimited Ride a trentadue dollari per un numero di corse illimitato entro i sette giorni.

New York Metrocard

Per spostarsi dall’aeroporto – nel nostro caso il JFK – a Manhattan ci sono parecchie opzioni più o meno economiche. La più conveniente è senza dubbio quella della metropolitana: dal terminal si prende l’AirTrain fino a Jamaica Station, e da qui la metropolitana fino alla stazione di Penn Station per meno di dieci dollari.
Se, come nel nostro caso, arrivate la sera tardi, una valida alternativa è quella del van condiviso: noi abbiamo prenotato quello di Supershuttle, a quaranta dollari in due.
Al ritorno abbiamo invece preso un taxi da Brooklyn, dove ci trovavamo, spendendo sessanta dollari. Abbiamo utilizzato spesso Uber, servizio molto utile per i trasporti a Manhattan, con una cifra media per corsa di circa sette dollari.

Costo trasporti: metropolitana JFK-Manhattan 7,75 dollari; van condiviso JFK-Manhattan: 20 dollari; taxi con Uber da Brooklyn al JFK: 60 dollari; MetroCard: circa 30 dollari.

Quanto costa un viaggio a New York: i pasti

Premetto che non cucino in viaggio (quindi anche se capito in un hotel con angolo cottura scelgo comunque di mangiare fuori), non compro cibo da bar/ristoranti di catene internazionali e non salto i pasti. Non mi piace l’idea di mangiare l’impossibile a colazione per saltare pranzo e mangiare di nuovo come un lupo a cena: poiché amo provare la cucina del posto in cui mi trovo, non mi limito ai pasti essenziali ma mi concedo seconde colazioni, aperitivi, merende, gelati.

Brooklyn Ice Cream Van.jpg

Questa premessa per dire che le spese per il cibo nel nostro caso rappresentano una percentuale non indifferente del budget di viaggio. Con questo non voglio dire che non badiamo a spese, ma sicuramente non puntiamo al risparmio. Per farla breve e arrivare alle cifre: durante il nostro ultimo viaggio negli Stati Uniti in media spendevamo tra i quaranta e i cinquanta dollari in due a pranzo, e tra gli ottanta e i cento dollari a cena. A queste cifre vanno aggiunte le pause per gelati, street food, birre e caffè, che con buona approssimazione arrotonderei intorno ai trenta dollari al giorno.

Costo pasti: pranzo circa 25 dollari a testa; cena 40-50 dollari a testa; cibo/bevande extra: circa 15 dollari a testa.

Quanto costa un viaggio a New York: spese extra

Prevedete altri extra come per esempio qualche acquisto non preventivato e gli ingressi ai musei che non sono certamente economici.

Nel nostro caso, l’ingresso all’American Museum of Natural History è costato ventitré dollari a testa, per me spesi benissimo. Poi ho comprato un paio di scarpe, ma questo è un altro discorso.

Se avete domande specifiche su alcuni aspetti del viaggio e dei costi, lasciatemi un commento e sarò felice di aiutarvi a organizzare un viaggio a New York.

39 pensieri riguardo “Quanto costa organizzare un viaggio a New York

  1. Sicuramente gli USA sono tra i paesi più cari in assoluto. Diciamo che non esistono viaggi economici verso questa meta, ma sicuramente è possibile evitare di spendere di più prenotando il volo con larghissimo anticipo. Bravissima che hai parlato dell’assicurazione sanitaria, essenziale per questo viaggio!

    Piace a 1 persona

  2. Sicuramente il viaggio che ho fatto a New York è stato uno dei più costosi che ho fatto – non tanto per il volo quanto per l’alloggio e per i biglietti di accesso ai musei. Questa mi sembra davvero un’ottima guida e sicuramente la indicherò a chi mi chiede di più sui costi e sull’organizzazione.

    Piace a 1 persona

  3. Uno di quei post utili per capire con largo anticipo quanto risparmiare per volare a NY! Caspita il volo a 300 Euro è stato un vero affare mentre la tariffa di Alitalia che non permette di scegliere il posto neanche a pagamento la considero un vincolo troppo esagerato. Metti che in fase di check-in una coppia capiti in due posti lontani? 9 ore di volo separati? Beh…per qualcuno potrebbe anche essere un’occasione per rilassarsi 😛
    A conti fatti sono vitto e alloggio che incidono maggiormente, tuttavia anche io come te avrei preferito una sistemazione centrale ma più costosa rispetto al pensiero di passare ore ed ore sui mezzi.
    Questo post me lo salvo Silvia! 😉 Buona giornata!

    Piace a 1 persona

    1. Purtroppo il fatto che non si potesse scegliere il posto l’ho scoperto solo al momento del check-in: prima sembrava fattibile, ma giunti al momento fatidico ti compare la finestra con scritto “Spiacenti. La tua tariffa non permette di fare variazioni”. Noi eravamo vicini, ma al ritorno siamo capitati in fila centrale – un incubo…
      L’Orsa a New York: quando ti vedremo sull’Empire? 😜

      Piace a 1 persona

  4. Direi che non potevi riassumere meglio tutte le informazioni fondamentali per farsi due calcoli. 😉
    Quando andai 9 anni fa più o meno spesi esattamente quello da te riportato nel post. È in previsione un secondo viaggio, credo il prossimo anno. Speriamo che i prezzi non aumentino altrimenti il tuo parrucchiere ti chiederà 80€ un taglio. 😉 hehehe

    Piace a 1 persona

    1. Sì, almeno c’è da dire che i prezzi non sono aumentati rispetto a qualche anno fa. Quello che può cambiare è il costo del volo, ma lì dipende dal periodo.
      Il prossimo anno – che bellezza! Io ci tornerei domani.
      Oddio, 80 euro per un taglio: più o meno il costo di un taglio a NY 😉

      "Mi piace"

  5. Purtroppo New York è davvero molto cara ma è una meta per me irrinunciabile. Io manco da un pò e ne sento una nostalgia terribile. Concordo sul fatto che non vale la pena dormire nel New Jeresy e passare mezza giornata in treno per raggiungere Manhattan: se si fa si fa per bene!

    Piace a 1 persona

  6. L’articolo mi è piaciuto molto perché finalmente leggo in concreto quanto possono costare le varie voci di un viaggio; soprattutto per luoghi non economici come New York. Questa città è uno tra i miei sogni nel cassetto (purtroppo mi accorgo sempre più di quanto siano tanti i luoghi nella mia wishlist) e spero davvero un giorno di mettere qualche soldino da parte e fare il viaggio (ora siamo in tre quindi l’importo sarà decisamente più importante.

    Piace a 1 persona

  7. Tutto sta nel trovare il volo giusto: per New York ci sono spesso offerte. Bisogna tenere d’occhio le tariffe e ovviamente prenotare con anticipo. Non si risparmia, invece, scegliendo l’opzione Aibnb rispetto all’hotel. Ho provato ad affittare un appartamento a Brooklyn e forse ho speso di più di un hotel 4 stelle.

    Piace a 1 persona

  8. Mi sono sempre fatta spaventare dai costi degli alloggi a New York e così non ci sono ancora stata. Farò giusto uno scalo di un giorno e mezzo a maggio per andare a St Martin e già sono preoccupata per il budget, ma ormai è fatta. Rimane il fatto che dovrò tornare!

    Piace a 1 persona

  9. New York è una delle nostre mete preferite e devo dire che il volo alla fine è la cosa che ha inciso meno, almeno le nostre ultime volte. Sono riuscita più volte a partire da Milano – diretto – con Emirates a 440 euro A/R in diverse stagioni. Una volta sono riuscita a spendere 398 con Delta. Sempre diretto. Ma è questione di fortuna. Diversamente invece per hotel, appartamenti e ristoranti. E’ una città cara, ma è stupenda!

    Piace a 1 persona

  10. Ho preso talmente sul serio il tuo articolo e la mia voglia di andare a New York che mi sono fatta due conti per 10 giorni… e si, decisamente costoso, speravo meno. Ma so che New York è una metropoli dalle grandi distanze e dalle tante cose da fare e vedere e quindi si, devo mettere da parte alla grande! Molto interessante il tuo articolo 🙂

    Piace a 1 persona

  11. Non avevo mai fatto i conti, ma le cifre che dai sono in linea con quello che immaginavo e temo che per me sia un po’ caro. Non tanto a persona, quanto per il fatto che se ci dovessi andare mio figlio verrebbe sicuramente con noi (fa le vacanze da solo da un po’ ma per gli USA farebbe un’eccezione) e alla fine i costi sarebbero moltiplicati per tre. 😦

    Piace a 1 persona

  12. Anche io ho fatto una New York low cost: il volo con KLM/DELTA è costato 360€ circa andata e ritorno (con quest’ultima tratta con scalo), quindi per tre voli è stato molto conveniente. L’hotel invece è stata la spesa più grande, ma comunque relativa!

    Piace a 1 persona

  13. Meta piuttosto costosa ma che merita moltissimo secondo me, mi piacerebbe riuscire prima o poi a visitare questa città che mi rincorre fin da piccola nei film. Io comunque la penso come te riguardo al cibo ahah se sto visitando un luogo devo sperimentare anche la sua cucina, altrimenti il viaggio mi sembra incompleto.

    Piace a 1 persona

  14. Ottimi consigli Silvia! ❤ Sicuramente trovare un volo come il tuo influisce molto sul budget ed anche la sistemazione. Magari io proverei un ostello ma non ho mai cercato quindi non ho idea di come siano da quelle parti e dei costi. Sul cibo io riesco a risparmiare qualcosa perchè spesso vado di street food o panini quando sono in giro, quindi mi concedo un solo pasto fuori. Adesso che ho trovato anche un altro lavoro, magari riuscirò a farne un paio 😀 Ottimi consigli sopratutto sull'assicurazione e l'esta! 😀

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.