#ComeFareA… organizzare un viaggio a New York City

New York è in assoluto una delle mie città preferite. Ci sono stata la prima volta più di dieci anni fa, e da allora ci sono tornata in altre occasioni: per lavoro, in vacanza, e per festeggiare un compleanno non troppo lontano. Quello è stato uno degli ultimi viaggi a NYC e, per qualche motivo, ne ho scritto pochissimo. Ma i ricordi sono ancora molto forti, come forte è il desiderio di tornarci presto. A un certo punto, qualche mese fa l’avevo quasi scelta come destinazione per il viaggio del mio compleanno, quando l’organizzazione della vacanza a Mosca sembrava troppo complicata. So che non riuscirò a resistere a lungo lontana da NYC e, nell’attesa di tornare, ho messo insieme qualche consiglio per chi avesse in programma una vacanza nella Grande Mela.

New York Sunset.jpg

Come arrivare a New York e come muoversi

Ci sono tre aeroporti principali: La Guardia, JFK e Newark. Tutti sono ben collegati con Manhattan da treni, bus e navette condivise. Da non escludere l’opportunità di raggiungere il centro in taxi, che è il mezzo di trasporto più veloce e più comodo. Forse non il più economico, a circa 45 dollari a tratta. Diffidate dai taxi non autorizzati per evitare di dover pagare una cifra superiore a quella concordata. Dunque taxi gialli con i quali sia stata stabilita la flat fare, ossia la tariffa fissa.

Per muoversi in città, come nella maggior delle metropoli, Uber è forse l’opzione più economica e veloce. Per gli spostamenti da un capo all’altro dell’isola si può fare affidamento al classico yellow taxi: basta fermarne uno per strada e dare l’indirizzo di destinazione. Un accorgimento: se volete andare al 116 della East 27th Street, è pressoché inutile dire il numero civico al taxista. Piuttosto, è meglio dire a quale altezza della strada o della avenue si desidera andare, fornendo l’indicazione dell’incrocio. Così, per arrivare al 116 della East 27th Street dovrò chiedere di essere portata alla East 27th Street and Park Avenue.

New York Taxi.jpg

Ho usato molto anche la metropolitana con la MetroCard, la tessera ricaricabile che si può compare a qualsiasi stazione della subway e che permette di risparmiare rispetto al prezzo del biglietto singolo.

Dove dormire a New York

Trovare un albergo centrale, pulito e a un prezzo ragionevole a Manhattan è difficilissimo. A New York mi sono ritrovata a dormire negli hotel più disparati: certi erano talmente spaventosi che nemmeno i peggiori bar di Caracas. In occasione di uno dei primi viaggi, nella stanza dell’hotel sulla Quattordicesima, ho trovato un topolino che correva dal letto alla scrivania; un’altra volta ho dormito in una stanza talmente fredda da essere costretta a indossare pigiama, calzettoni e maglione di lana per non fare la fine di Rob Hall durante la scalata dell’Everest. Poi ho anche prenotato una camera in un quattro stelle in zona Times Square senza dover vendere un rene perché ho trovato una super offerta. Ma quello è stato l’unico episodio fortunato. Non dimenticherò mai la settimana trascorsa nell’hotel che doveva essere smantellato negli anni Ottanta ma che, a distanza di trent’anni, era ancora lì. Probabilmente tende, moquette e coperte non venivano lavate dal giorno dell’inaugurazione.

La prossima volta che andrò a New York vorrei stare in un appartamento. Innanzitutto perché le tariffe sono più basse rispetto a quelle degli hotel, ma anche perché in questo modo si ha l’impressione di sentirsi, almeno per qualche giorno, uno del posto. Non so ancora se tornerò a New York quest’anno, ma nel frattempo ho già iniziato a dare un’occhiata alle opzioni. Per esempio su Hundredrooms, il motore di ricerca che mette a confronto le tariffe di diversi portali, ho già visto almeno due appartamenti che mi piacciono molto. Uno non lontano da Union Square: un bilocale con le pareti di mattoni a vista e i pavimenti in legno. Al mattino potrei passeggiare tra le bancarelle del farmers market, mentre esco per andare a comprare il caffè per la colazione. Oppure il loft in un ex magazzino di Brooklyn, con le vetrate dal pavimento al soffitto. Certo, poi bisognerebbe spostarsi ogni giorno verso Manhattan, ma vedere lo skyline di New York da DUMBO non ha prezzo. Union Square o Brooklyn? La scelta non è semplice, ma sono certa che in entrambi i casi, vivendo in un appartamento mi sentirei quasi come chi a NYC ci vive.

Brooklyn Bridge.jpg

Dove mangiare a New York

Il capitolo cibo meriterebbe tutta una serie di post a parte, che prima o poi scriverò. Partendo dalla colazione, l’errore più comune è di solito quello di cadere nella trappola di grandi catene come Starbucks o Dunkin’ Donuts con l’illusione che servano ottimi prodotti a prezzi convenienti. Meglio scegliere una delle tante bakeries o dei cafès che si trovano un po’ ovunque. Tra i miei preferiti, The City Bakery tra la 18th Street e la 5th Avenue, vicino a Union Square, e Amy’s Bread a Hell’s Kitchen.

New York Building

Anche per il pranzo conviene stare lontani dai vari Burger Kings e KFC. Per un pasto veloce, di buona qualità e a buon prezzo si può fare affidamento a uno dei food trucks sparsi lungo le strade di Manhattan che servono cibo preparato sul momento: alcuni sono specializzati in cucina messicano, in barbecue, in prodotti vegetariani, in bagels in tutte la varianti. Per chi ama gli hamburger, una tappa obbligatoria è The Corner Bistro nel Village, tra la 8th Avenue e la West 4th Street. Da provare anche Shake Shack, che ha la fama di servire i migliori cheeseburger di tutta la città: è presente a diversi indirizzi ma quello storico è a Madison Square Park.

Altro piatto da provare a NY è la pizza: se pensate che sia una ricetta italiana, vi sbagliate. Qui sono convinti che l’invenzione vada attribuita a un immigrato italiano. Forse le cose non sono andate proprio così, ma la “vera margherita di New York” che ho provato da Joe’s Pizza a Carmine Street era più buona di tante pizze mangiate in Italia. 

Tra i miei posti preferiti per la cena ci sono due ristoranti, uno a Manhattan, l’altro a Brookyln. Il primo è il Blue Smoke, tra la 27th Street e Park Avenue, noto per essere il regno del barbecue: ali di pollo grigliate, costine di maiale, pulled pork. Tutto accompagnato da tante birre artigianali. L’altro locale, a Brookyln, si può raggiungere a piedi con una passeggiata di quasi un’ora lungo il Brooklyn Bridge prima, poi attraverso il quartiere di DUMBO lungo le strade lastricate che portano a Vinegar Hill, dove ci sono ancora i vecchi magazzini utilizzati ai tempi in cui Brooklyn era una zona portuale.

Brooklyn Dumbo.jpg

Sembra di essere in un paese di periferia, con le case basse e le rotaie ormai in disuso della vecchia ferrovia di Jay Street, costruita per spostare la merce tra i magazzini e il porto. I vecchi binari arrivano fino al Vinegar Hill House, un ristorante con un cortile interno dove ho provato per la prima volta il cast iron chicken, il pollo cotto in un tegame di ghisa, e la migliore torta di ricotta e pesche mai mangiata.

A questo punto mi chiedo come farò a resistere fino al prossimo viaggio a New York.

Siete stati a NYC? Cosa vi è piaciuto di più?

34 pensieri riguardo “#ComeFareA… organizzare un viaggio a New York City

  1. Ciao Silvia!
    Io, al contrario di te, non sono mai stata a New York. Non so perché, nonostante ne sento parlare cosi bene, non sento il desiderio di andarci…
    Questa guida è utilissima, soprattutto come muoversi in città, a me da l’idea che New York, con tutte quelle “street”, sia facilissimo perdersi!

    Liked by 1 persona

  2. Che sogno NY! ❤ Troppissime ore di volo che non sopporterei, non per la paura ma per il mal d'aria che mi afferra nonostante i farmaci tipo Travelgum o Xamamina. Ci vorrebbe una botta in testa per poi risvegliarmi direttamente a destinazione. Però è anche vero che la vita fa strani giri, chissà può essere che io guarisca, può essere che rimettano il Concord o qualche aereo supersonico ancora più veloce!
    Nel caso segno tutto! ^_^
    Un bacio Silvia! 😉

    Liked by 2 people

    1. Sarebbe il sogno del mio prigioniero di viaggio: svegliarsi a fine volo (o forse ancora meglio, a fine vacanza 😉
      Ma chissà, magari rimettono il Concord e in cinque ore sei là. Meglio ancora: potresti arrivare a tappe passando per il Nord: Danimarca – Norvegia – Isole Farøer – Islanda – Groenlandia – Canada e finalmente NY 😉
      Grazie per essere passata!

      Liked by 1 persona

  3. Ciao Silvia! io non ci sono mai stata e non ne avevo molta voglia finché non ho parlato con persone che l’hanno fatto. Devo dire che visitare una città con tempi e spazi così diversi dai nostri mi attrae ma un po’ mi fa anche paura, ma chissà che prima o poi non mi deciderò! 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Giulia! Forse a volte è più l’idea a spaventarci: non ti nego che anche io, prima di partire per il mio primo viaggio negli Stati Uniti ero un po’ in ansia. Ma per fortuna è sempre andato tutto per il verso giusto 🙂
      Quando ti convincerai fammi sapere se hai bisogno di altre indicazioni!

      Liked by 1 persona

    1. Che bello, ti invidio 😉
      Ti consiglierei marzo perché io ci sono stata una volta a febbraio e il termometro è arrivato a -25! Al punto che quando si è “alzata” la temperatura dopo qualche giorno e ha iniziato a nevicare è stato quasi un sollievo! Magari marzo è un po’ più mite. In assoluto evita agosto perché fa un caldo infernale per strada e poi nei locali c’è l’aria condizionata che ti ammazza 😉

      Liked by 1 persona

  4. Ahhh New York New York… come sai anche io ne sono rimasta totalmente ammaliata e non vedo l’ora di tornarci! Io sono stata proprio in un appartamento e mi sono trovata bene, era un po’ fuori da Manhattan ma ho risparmiato tantissimo!!
    Mi piacerebbe tornarci in autunno, ho un’amica che si è momentaneamente trasferita lì e quasi quasi… incrociamo le dita!

    Liked by 1 persona

  5. Hai toccato un nervo scoperto… New York è il sogno di una vita, è da quando ero bambina che desidero andarci ma ahimè, per una ragione o per l’altra (soprattutto economica) non ne ho mai avuto l’occasione. Spero di riuscirci un giorno, intanto mi salvo le tue utilissime info 😀

    Liked by 1 persona

    1. Io ho avuto la fortuna di trovare un paio di volte i biglietti a prezzi convenienti (quando facevo un lavoro dove potevo andare via più o meno quando volevo) e di poterci tornare tante volte per lavoro. Ora purtroppo le vacanze un po’ più lunghe le ho ad agosto o a dicembre, e in quei periodi il fattore economico mi porta verso altre mete più low cost…
      Spero comunque di tornarci presto e ti auguro di avere occasione di vedere NY 🙂

      Mi piace

  6. Silvia che sogno 😍! Pensa che NY, insieme al Maine, doveva essere la meta del nostro viaggio estivo. Poi ho sostituito NY con Boston. Poi non so cosa è successo ma ho cambiato emisfero. Non perché non volessi andare negli Stati Uniti, ma perché ho subito il richiamo della Thailandia.
    Ma NY sarà probabilmente la prossima! E assolutamente, mille volte si, in appartamento. Tu hai perfettamente elencato le caratteristiche del mio appartamento ideale. E poi, lo devo dire: io voglio fingermi per una volta Carrie😉!!!
    A presto,
    Claudia B.

    Liked by 1 persona

    1. NY e Maine? Ma dev’essere un sogno! Prima o poi lo organizzo un bel viaggio on the road sulle tracce di Jessica Fletcher (senza il morto, magari).
      Tu hai cambiato emisfero, mentre io sono passata dal desiderio di una vacanza a NY per il mio compleanno… e sono finita a Mosca 😉
      Eh sarebbe il massimo fingersi Carrie la domenica mattina a bere caffè e mangiare cupcakes insieme alle amiche!
      Buona giornata 🙂

      Liked by 1 persona

  7. Ecco, mentre leggevo già immaginavo di essere lì, nel mio appartamentino, con il caffè di fiducia nelle vicinanze, le abitudini quotidiane… Mi piacerebbe, per una volta, stare a Brooklyn: ho subito il fascino del film “The intern – Lo stagista inaspettato” con Anne Hathaway, che aveva una casa incredibile in un viale alberato ed era a capo di una start up, tutto a Brooklyn. Da allora non faccio che immaginare di abitarci!

    Liked by 1 persona

  8. Io te lo dico: appena ho letto del loft in un ex magazzino di Brooklyn mi sono immaginata subito lì.. la mattina presto, una tazza di caffé in una mano e un cupcake nell’altra, a piedi scalzi, ad osservare la città dalla finestra.. Manco da NY da 4 anni e non sai quanto mi manca..

    Liked by 1 persona

  9. Mi sento piccola piccola a constatare che io non sono mai stata a New York (beh, neanche a Firenze…ma questo non lo direi in giro)…ma in realtà, come qualcuno, non ne sento fortemente il richiamo. Sogno di più un on the road (naturalmente!) tra New England e North Carolina, ma sono certa che la prossima volta che metterò piede in terra americana, sarà per visitare New York, e allora farò una scorpacciata delle tue guide! ^_^
    Intanto, magari, inizio partendo dalla Toscana… -_-”’
    P.S. se avessi tanto tempo e tanti soldi, farei proprio il giro passando per il Grande Nord: che sogno, mamma mia!!! *_*

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...