Come fare a organizzare un viaggio a San Francisco

San Francisco è la prima città degli Stati Uniti in cui sono stata. Una scelta un po’ insolita per chi non ha mai visto l’America, ma io la sognavo da anni per cui doveva essere la mia prima meta. Ci sono tornata in altre occasioni e me ne sono innamorata ogni volta di più. Di questa città del nord della California mi piacciono i colori delle case, i profumi che cambiano da un quartiere all’altro, i ristoranti che rispecchiano la storia della città e della gente che nel corso degli anni si è stabilita qui.

Pronti a partire per San Francisco?

06 San Francisco.jpg

Come arrivare e come muoversi a San Francisco

Non esistono voli diretti dall’Italia, quindi il trasporto inciderà in maniera non indifferente sul budget: un biglietto dall’Italia può arrivare a costare 800 euro in alta stagione, mentre in bassa stagione si aggira sui 400 euro.
Dall’aeroporto di San Francisco, per raggiungere il centro della città l’opzione più economica è la BART, il sistema di trasporto metropolitano che serve la Bay Area. Dal terminal basta prendere un treno con destinazione downtown e scendere a una delle quattro fermate in centro. Il biglietto può essere acquistato alle macchinette automatiche in qualsiasi stazione della BART.
Siccome San Francisco è estremamente pedestrian friendly, il mio consiglio è di spostarsi il più possibile a piedi. In alternativa, ci si può affidare alla MUNI, la rete di bus e filobus che copre l’area urbana di San Francisco. Sono disponibili biglietti da uno a sette giorni, con prezzi dai 22 dollari per il giornaliero ai 43 per l’abbonamento settimanale; possono essere acquistati alle macchinette automatiche presenti alle fermate, oppure presso i rivenditori autorizzati che si trovano un po’ ovunque in città.
Per le escursioni nella Bay Area, un’ottima soluzione è data dalle linee della BART o dai traghetti della Golden Gate Ferry che servono diverse destinazioni nella baia di San Francisco.

02 San Francisco.jpg

Ultimo ma non meno importante, il mezzo di trasporto che ha reso famosa San Francisco nel mondo: il cable car, il tram storico che collega Union Square con il Fisherman’s Wharf.

Dove dormire a San Francisco

Come ogni grande città, i prezzi degli hotel variano molto, ma San Francisco non è una destinazione economica.
La prima volta ho prenotato in un hotel un po’ spartano, ma con servizi essenziali. Una stanza al Metro Hotel ha un prezzo base di 100 dollari: una tariffa davvero buona per San Francisco, soprattutto tenendo conto che ci sono il bagno in camera e l’aria condizionata. Tra gli aspetti negativi c’è la mancanza di una sala per la colazione e dell’ascensore, ma la posizione sulla Divisadero Street, nel cuore del quartiere hippy di Haight-Ashbury è l’ideale: defilata rispetto alla confusione di Union Square, ma facilmente raggiungibile.

03 San Francisco.jpg

Appartiene a una categoria superiore il Chancellor Hotel, a due passi dalla centralissima Union Square. Questo albergo nel cuore del distretto dello shopping ha uno stile più tradizionale rispetto al Metro Hotel, e le tariffe rispecchiano la qualità di un altro livello (la doppia parte da 200 dollari).
Una delle poche volte in cui ho soggiornato in un hotel di lusso è stata grazie al mio lavoro precedente, che mi ha permesso di dormire in una Junior Suite dell’Hotel Vitale. Un albergo da sogno: ottima la posizione lungo l’Embarcadero, bellissima la struttura dove ogni angolo profuma di lusso understated e di lavanda appena tagliata, favolose le stanze con vista sul Bay Bridge.

01 San Francisco.jpg

Per non parlare del kit di benvenuto: un cesto di frutta, cracker, formaggi e una bottiglia di vino californiano in ogni camera. Le tariffe sono da capogiro, con la doppia che parte da 350 dollari a notte. Se potessi permettermelo l’Hotel Vitale sarebbe la mia prima scelta.

Dove mangiare a San Francisco

San Francisco è il paradiso in terra per chi ama mangiare: dalla cucina americana a quella vietnamita, dall’italiana alla cinese. Da evitare in ogni caso la zona di Union Square, piena di trappole per turisti.

08 San Francisco.jpg

Per un pasto veloce sul porto è perfetto Boulette’s Larder, all’interno del Ferry Building, dove ogni giorno si svolge il mercato contadino. Molto più classico e tradizionale è il Cafè de la Presse di Grant Avenue: è chiaramente di ispirazione francese ma ne vale la pena per la prima colazione.
Chi ama la cucina cinese non può perdersi Yank Sing che, a distanza di anni, ricordo ancora come il ristorante in cui ho mangiato più che in qualsiasi altro posto. Il cameriere continuava a portare al tavolo piatti e piatti di dim sum, e io non smettevo di mangiarli.
Impensabile andare negli Stati Uniti e non provare gli hamburger, dunque una tappa da Mo’s Grill è obbligatoria. È un locale spartano, con le tovaglie di plastica e senza servizio ai tavoli, ma si dice che gli hamburger siano i migliori della città.
Nato nel 1979 come ristorante messicano, Zuni Cafè è ancora oggi uno dei pilastri gastronomici di San Francisco. La storia di questo locale di Market Street si intreccia con quella di Chez Panisse, altro ristorante storico ideato da Alice Waters, chef e attivista che ha cambiato il modo di mangiare degli americani, creando a partire dagli anni Settanta una rete di produttori locali. I prezzi non sono popolari, e per arrivare a Chez Panisse bisogna prendere il treno fino a Berkeley, ma è un’esperienza culinaria da fare una volta nella vita.

04 San Francisco.jpg

Non riesco più a risalire alla fonte quindi potrebbe essere una bufala, ma da qualche parte ho letto che San Francisco è tra le 15 città americane con il maggior numero di italiani. Sta di fatto che i nostri compatriotti qui si sono impossessati del quartiere di North Beach, facendone la loro casa lontano da casa. Hanno cercato di ricreare condizioni simili a quelle dell’Italia: negozi di alimentari, tricolori nelle vetrine e alle finestre, macchine italiane e soprattutto ristoranti. Normalmente non mangio italiano all’estero, ma qui a North Beach la cucina italiana al di fuori della madrepatria ha una ragione d’essere.

Attenzione però alle numerose trappole per turisti e ai ristoranti con i “buttadentro” che dal marciapiede vi sventolano i menu sotto il naso! Grazie al consiglio di un amico italiano che vive in California da anni, abbiamo cenato da È Tutto Qua, locale tra la Columbus Avenue e la Broadway. Servono piatti semplici, veramente italiani e non trasformati per adattarsi ai gusti degli americani. Dopo la cena, un espresso veloce al Vesuvio, di fronte al ristorante, o al Caffè Trieste, poco oltre, sulla Vallejo Street: pare che in questi due locali gli scrittori della beat generation trascorressero gran parte del loro tempo.

Cosa fare a San Fransisco

Arrivata a questo punto mi rendo conto che servirebbe un articolo a parte per descrivere le cose da vedere a San Francisco, per cui sarò breve, limitandomi a un elenco: in centro Market Street, Union Square, Powell Street, il Fisherman’s Wharf, il Ferry Building, North Beach, Haight-Ashbury, le Painted Ladies e Lombard Street con le sue curve a gomito. Poi i quartieri di Castro e Mission, Dolores Park, Presidio Park e il Golden Gate Bridge. E stavo per dimenticare l’isola di Alcatraz e le Twin Peaks!

05 San Francisco.jpg

Con più giorni a disposizione, si può dedicare del tempo a Berkeley, sede dell’omonima università, oppure a Sausalito, una città colorata in riva al mare dove ho mangiato un ottimo po’ boy di ostriche.

07 San Francisco.jpg

Quando andare a San Francisco

Sempre: ogni stagione è perfetta. Con temperature che variano tra gli undici e i ventiquattro gradi, è la città ideale anche dal punto di vista del clima. Si sta sempre bene, sia in estate che in inverno. Nei mesi più “freddi” saranno sufficienti una felpa e una giacca antivento per la sera, mentre in estate non fa mai troppo caldo. Quello che non ci si aspetta è che durante i mesi estivi, nel pomeriggio, dal Golden Gate inizia a salire la nebbia che in poche ore avvolge la città. E in un attimo è come la Val Padana a novembre.

Questo articolo è stato pubblicato in origine su Blog di Viaggi

28 pensieri riguardo “Come fare a organizzare un viaggio a San Francisco

  1. Tecnicamente non lo è, ma in pratica è stata la prima vera città visitata con cognizione di causa, nemmeno troppa a dire la verità. Era il lontano 2009 e mi ricorso che ero sopraffatta da questa città così magica e diversa da tutto ciò che avevo visto prima d’ora. Mi ricordo una città bellissima, verde, quasi a misura d’uomo, con il sole caldissimo e la frutta più buona che avessi mai mangiato! E ghirardelli…ed i panini al granchio…
    Vorrei averlo letto allora il tuo post.

    Piace a 1 persona

    1. Vero, San Francisco è diversa da qualunque cosa uno si possa immaginare pensando a una grande città degli Stati Uniti. E anche io ho avuto sempre l’impressione di una città a misura d’uomo, forse per i parchi, per le passeggiate sul porto…
      Panino al granchio… che fame!!!

      Mi piace

  2. Hhaahah ho riso tantissimo sulla tua similitudine finale 😀 😀 😀 Non penso che sia insolito cominciare una visita negli States a partire da S.Francisco anzi, in fondo prima ancora che NY, Chicago, Boston ecc il nostro imprinting grazie alle serie americane è cominciato proprio grazie al famoso telefilm che vedeva un giovanissimo Douglas fare su e giù per queste strade! Quando nomini le famose “trappole per turisti” la tua autorevolezza in merito mi fa balzare immediatamente sugli attenti, quindi segno sempre i luoghi in cui scoraggi a fermarsi per un boccone 😉
    E segno anche i consigli su dove dormire…non si sa mai 😉
    Ti abbraccio, buona giornata! ❤

    Piace a 1 persona

    1. Forse è proprio per quello che San Francisco è stata la prima scelta: le serie televisive, quelle degli anni Ottanta che si guardavano la mattina in estate (o almeno, essendo noi a metà strada tra il mare e la montagna, al mattino si stava a casa a guardare la TV con i nonni 😉
      Grazie e buona domenica 😘

      Piace a 1 persona

  3. San Francisco è uno delle città che vorrei tanto vedere negli Stati Uniti, nel mio precedente viaggio non sono riuscita ad inserirla nell’itinerario purtroppo. Mi incuriosisce tanto e dopo questo pezzo ho una serie di informazioni in più per organizzarmi e… ancora più voglia. Spero di poterci andare presto.

    Piace a 1 persona

  4. La cosa bella è che adesso San Francisco è raggiungibile non solo con volo diretto da Roma, ma pure low cost. Facciamo un monumento alla Norwegian 🤗 La prossima volta che torno voglio provare Mo’s Burger perché me lo avevi consigliato anche in passato in un commento. Ciao Silvia, buona giornata.

    Piace a 1 persona

  5. Tra le tante fantasticherie che io e il mio ragazzo facciamo c’è quella di vedere e vivere per un po’ la California. E sarebbe il top iniziare da San Francisco! Ne fui affascinata tanti anni fa dai racconti hippie di un’amica di famiglia, americana, che ci ha vissuto da giovane. E sai che nemmeno io avevo pensato a Norwegian!

    Piace a 1 persona

  6. Sono stata a San Francisco soltanto due giorni, ma sono riuscita a girarla molto bene (tramite i mezzi pubblici e massacrandomi i piedi). Il primo impatto con questa città è stato strano, ci sono quartieri che non mi hanno fatto impazzire, mentre altri come Fisherman’s Wharf, il Presidio e Marina mi hanno completamente estasiato e ogni volta che ripenso a San Francisco avrei tanta voglia di tornarci!!
    Questo post è molto utile, lo terrò a mente per quando tornerò, così potrò assaggiare nuove cose sfiziose 🙂

    Piace a 1 persona

    1. Due giorni sono già un ottimo punto di partenza: con tanta voglia di camminare e un paio di scarpe comode 😉 Per me invece è stato amore a prima vista (anzi, ancora prima di partire), forse anche perché è una grande città affacciata sul mare, e questo abbinamento mi piace sempre tanto. Il Presidio anche a me è piaciuto tantissimo: avendo tempo uno dovrebbe andarci tutti i giorni!
      Grazie e buona domenica 😘

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...